Frasissime » Frasi » Autori » Frasi di Gandhi sulla Vita: 50 Aforismi e Citazioni famose

Frasi di Gandhi sulla Vita: 50 Aforismi e Citazioni famose

frasi di gandhi sulla vita

Con questa raccolta di aforismi scopriamo insieme le più belle frasi di Gandhi sulla Vita. Frasi profonde, commoventi, riflessive, intelligenti e sensibili, in grado di aprirci la mente e farci apprezzare maggiormente la vita. Nei suoi momenti belli come in quelli brutti, perché tutto ha un valore. Possiamo imparare qualcosa da ogni esperienza, trasmettere agli altri i nostri valori e lottare tutti insieme per non commettere più gli stessi sbagli. Insieme possiamo costruire un mondo migliore.

Associare il volto del Mahatma Gandhi ad un invito alla pace universale, viene automatico a tutti. Il Mahatma Gandhi rientra tra le figure più influenti del XX secolo, la sua lotta per i diritti umani basata sulla non-violenza ha fatto il giro del mondo ed ispirato intere generazioni. Le sue parole sono in grado di risvegliare qualcosa in tutti noi ancora oggi. Ecco 50 frasi di Gandhi sulla Vita.

Citazioni, Aforismi e Frasi di Gandhi sulla Vita

Apprendere che nella battaglia della vita si può facilmente vincere l’odio con l’amore, la menzogna con la verità, la violenza con l’abnegazione dovrebbe essere un elemento fondamentale nell’educazione di un bambino.

C’è di più nella vita che aumentarne la velocità.

Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre… ma non può contenere la primavera.

Che cosa cambia ai morti, agli orfani e ai senzatetto, se una distruzione viene compiuta nel nome del totalitarismo, nel santo nome della libertà o della democrazia?

Ci sono princìpi che non ammettono compromessi e per la cui pratica occorre essere pronti a sacrificare anche la vita.

Con la gentilezza, si può scuotere il mondo.

Non vale la pena avere la libertà se questo non implica avere la libertà di sbagliare.

La salute è la vera ricchezza e non pezzi d’oro e d’argento.

Dobbiamo essere contenti di morire se non possiamo vivere come uomini o donne liberi.

Dove c’è amore c’è vita.

Sono più sicuro della Sua esistenza che del fatto che voi e io stiamo seduti in questa stanza. E posso anche affermare che potrei vivere senz’aria e senz’acqua, ma non senza di Lui. Potete strapparmi gli occhi, eppure non mi ucciderete. Ma distruggete la mia fede in Dio, e io sono morto.

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.

Se un uomo venisse sepolto nella stessa fossa con la carcassa di un animale, tutti deplorerebbero il fatto. Eppure, pensandoci bene, sarebbe un bel modo per manifestare l’unità di ogni vita.

Finché porterai un sogno nel cuore, non perderai mai il senso della vita.

Ho imparato la lezione della non violenza da mia moglie, quando ho cercato di piegarla alla mia volontà. La sua determinazione nel resistere al mio volere da un canto, e la sua quieta sottomissione alla sofferenza provocata dalla mia stupidità, dall’altro, hanno finito per farmi vergognare di me stesso e convincermi a guarire dalla ottusità di pensare che ero nato per dominarla; in questo modo è diventata lei la mia maestra della non violenza.

Il debole non è mai capace di perdonare. Il perdono è una caratteristica del forte.

Non lascerò che nessuno mi attraversi la mente con i suoi piedi sporchi.

Il modo migliore per trovare te stesso è quello di perderti al servizio degli altri.

Il distintivo del violento è la sua arma: lancia o spada o fucile. Lo scudo del nonviolento è Dio.

Il futuro dipende da ciò che fai oggi.

Il genere umano può liberarsi della violenza soltanto ricorrendo alla non violenza. L’odio può essere sconfitto soltanto con l’amore. Rispondendo all’odio con l’odio non si fa altro che accrescere la grandezza e la profondità dell’odio stesso.

Non è la letteratura né il vasto sapere che fa l’uomo, ma la sua educazione alla vita reale. Che importanza avrebbe che noi fossimo arche di scienza, se poi non sapessimo vivere in fraternità con il nostro prossimo?

Il più duro metallo si arrende al grado di calore sufficiente. Nello stesso modo il cuore più duro deve fondere all’adeguato grado di calore della non violenza. E non c’è limite alla capacità della non violenza di generare calore.

Io e te siamo una sola cosa: non posso farti male senza ferirmi.

L’assenza di paura non significa arroganza o aggressività. Quest’ultima è in sé stessa un segno di paura. L’assenza di paura presuppone la calma e la pace dell’anima. Per essa è necessario avere una viva fede in Dio.

La disobbedienza, per essere civile, deve essere sincera, rispettosa, mai provocatoria, deve basarsi su qualche principio assimilato con chiarezza, non deve essere capricciosa e, soprattutto, non deve procedere da alcuna malevolenza od odio.

La felicità è quando ciò che pensi, ciò che dici e ciò che fai sono in armonia.

La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita.

La povertà è la peggiore forma di violenza.

La violenza da parte delle masse non eliminerà mai il male.

La vita di un agnello non è meno preziosa di quella di un essere umano. Trovo che più una creatura è indifesa, più ha il diritto ad essere protetta dall’uomo dalla crudeltà degli altri uomini.

La vita è un mistero che deve essere vissuto, non un problema da risolvere.

La vita sopravanza immensamente tutte le arti messe assieme.

La vita sulla terra è solo una bolla di sapone.

Le opinioni che mi sono formato e le conclusioni a cui sono giunto non sono definitive. Potrei modificarle in qualsiasi momento; non ho niente di nuovo da insegnare al mondo. La verità e la non violenza sono antiche come le colline. Ho solo tentato di metterle in pratica su scala più vasta possibile. A volte ho sbagliato, ma ho imparato dai miei errori. La vita e i suoi problemi sono divenuti così per me il terreno su cui sperimentare nella pratica la verità e la non violenza.

Non ho nulla di nuovo da insegnare al mondo. La verità e la non violenza sono antiche come le montagne.

Non sono un visionario. Mi professo un idealista pratico. La religione della non violenza non è riservata solo ai Rishis e ai santi. Si rivolge anche alla gente comune.

Nulla si ottiene senza sacrificio e senza coraggio. Se si fa una cosa apertamente, si può anche soffrire di più, ma alla fine l’azione sarà più efficace. Chi ha ragione ed è capace di soffrire alla fine vince.

Occhio per occhio… e il mondo diventa cieco.

Odia il peccato, ama il peccatore.

Limitarsi ad amare chi ci ama non è nonviolenza. Solo l’amare chi ci odia è nonviolenza. So quanto sia difficile seguire questa grandiosa Legge dell’Amore. Ma non è sempre così, con tutte le cose grandi e buone? Amare chi ci odia è la cosa più difficile di tutte. Ma, con la grazia di Dio, anche realizzare questa difficilissima cosa diventerà facile, se lo desideriamo.

Mantieni i tuoi pensieri positivi perché i tuoi pensieri diventano parole. Mantieni le tue parole positive perché le tue parole diventano i tuoi comportamenti. Mantieni i tuoi comportamenti positivi perché i tuoi comportamenti diventano le tue abitudini. Mantieni le tue abitudini positive perché le tue abitudini diventano i tuoi valori. Mantieni i tuoi valori positivi perché i tuoi valori diventano il tuo destino.

Mi oppongo alla violenza perché, quando sembra produrre il bene, è un bene temporaneo; mentre il male che fa è permanente.

Ogni volta che ti trovi a fronteggiare qualcuno, conquistalo con l’amore.

Per una persona non violenta tutto il mondo è la sua famiglia.

Se il mondo vorrà la pace, il solo mezzo per quel fine è la nonviolenza e nient’altro.

Se tutti lavorassero per il proprio pane e niente più, ci sarebbe abbastanza cibo e tempo libero per tutti… i nostri bisogni si ridurrebbero al minimo, il nostro cibo si semplificherebbe. Allora mangeremmo per vivere, anziché vivere per mangiare.

Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.

Un uomo è solo il prodotto dei suoi pensieri. Quello che pensa, diventa.

Tu e io non siamo che una cosa sola. Non posso farti del male senza ferirmi.

Prendi un sorriso, regalalo a chi non l’ha mai avuto. Prendi un raggio di sole, fallo volare là dove regna la notte. Scopri una sorgente, fa bagnare chi vive nel fango. Prendi una lacrima, posala sul volto di chi non ha pianto. Prendi il coraggio, mettilo nell’animo di chi non sa lottare. Scopri la vita, raccontala a chi non sa capirla. Prendi la speranza, e vivi nella sua luce. Prendi la bontà, e donala a chi non sa donare. Scopri l’amore, e fallo conoscere al mondo.

Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci.

Quando io sarò diventato incapace di male e nulla di duro o altezzoso occuperà, sia pure momentaneamente, il mondo del mio pensiero, allora e soltanto allora la mia non violenza muoverà tutti i cuori del mondo.

Quando una donna è assalita non può perdere tempo a riflettere su violenza o non violenza. Il suo compito primario è l’autodifesa. È libera di impiegare qualsiasi metodo o mezzo che le venga in mente pur di difendere il proprio onore. Dio le ha dato unghie e denti.

Se esiste un uomo non violento, perché non può esistere una famiglia non violenta? E perché non un villaggio? una città, un paese, un mondo non violento?

Torna su