Home Frasi Auguri Frasi per la Pasqua di Madre Teresa di Calcutta: le 40 più...

Frasi per la Pasqua di Madre Teresa di Calcutta: le 40 più belle

Con questa raccolta di aforismi, scopriamo insieme le più belle frasi per la Pasqua di Madre Teresa di Calcutta. Frasi belle, dolci, intense e profonde, perfette per riflettere sul significato religioso della Pasqua. Un periodo che dovrebbe portarci a pensare al valori come il sacrificio, l’amore e la pace.

Madre Teresa di Calcutta ha dedicato la sua vita al prossimo, all’amore per Dio e per tutti gli uomini. Nel 2016 papa Francesco l’ha riconosciuta come santa, e tra i suoi insegnamenti possiamo trovare tante frasi perfette per rappresentare un periodo importante come la Pasqua. Frasi che parlano di amore, compassione, sacrificio, gioia e pace. Ecco 40 frasi per la Pasqua di Madre Teresa di Calcutta.

Citazioni, Aforismi e Frasi per la Pasqua di Madre Teresa di Calcutta

Se non conoscete nel profondo del cuore che Gesù ha sete di voi, non potete cominciare a conoscere ciò che egli vuole essere per voi, e ciò che egli vuole voi siate per lui.

Preferirei fare errori nella gentilezza e nella compassione che i miracoli nella cattiveria e durezza.

Se vuoi cambiare il mondo, vai a casa e ama la tua famiglia.

Dove è Dio, lì vi è amore. E dove è amore, vi è sempre servizio.

Se giudichi le persone, non avrai tempo per amarle.

È necessaria l’infelicità per capire la gioia, il dubbio per capire la verità… la morte per comprendere la vita. Perciò affronta e abbraccia la tristezza quando viene.

Le parole gentili possono essere brevi e facili da pronunciare, ma il loro eco è infinito.

È facile amare chi sta lontano. Non è sempre facile amare chi vive vicino a noi. La Pasqua è proprio il momento più bello e significativo per farti scoprire l’importanza delle persone più care: che questo sia per te un giorno di rinascita e crescita.

La gioia profonda del cuore è come una calamita che indica il percorso della vita.

Quello che facciamo è soltanto una goccia nell’oceano. Ma se questa goccia non ci fosse, all’oceano mancherebbe. Che questa Pasqua ti faccia capire l’importanza delle piccole cose per i grandi cambiamenti.

Io so che Dio non mi dà nulla che non possa gestire. Spero solo che non si fidi troppo di me.

Le persone sono affamate d’amore perché sono troppo indaffarate. Oggi nel giorno del Signore risorto, aprite i vostri cuore e amate come non avete mai fatto.

La pace inizia con un sorriso.

Per raggiungere il cuore delle persone dobbiamo agire: l’amore si dimostra con i fatti. La realtà è più avvincente dell’idea astratta.

Una volta che Dio è dentro di te, è per tutta la vita, e non c’è alcun dubbio. Si possono avere incertezze, è vero. Ma quella particolare non tornerà più.

L’amore, per essere vero, deve costar fatica, deve far male, deve svuotarci del nostro io. Questa Pasqua sia per te un momento per farti scoprire la vera essenza dell’amare e dell’essere amati.

Gesù è Dio: pertanto il Suo amore, la Sua sete sono infiniti.

Dio è pane, Dio è amore, Dio è per sempre.

Se non abbiamo pace, è perché abbiamo dimenticato che apparteniamo gli uni agli altri.

Cristo è risorto. Egli è la pietra angolare. Già allora si tentò di rigettarlo e di sopraffarlo con la vigilata e sigillata pietra del sepolcro. Ma quella pietra fu ribaltata. Cristo è risorto. Non respingete Cristo, voi che costruite il mondo umano.

Non capiremo mai abbastanza quanto bene è capace di fare un sorriso.

Non lasciare mai che le tue preoccupazioni crescano fino al punto di farti dimenticare la gioia del Cristo risorto.

Nel nostro servizio non contano i risultati, ma quanto amore mettiamo in ciò che facciamo.

Nel mondo si porta la pace con l’amore e non con la forza.

L’aiutare a riflettere sulla vita rientra nella missione della Chiesa, che gode nel vedere gli adolescenti sbocciare come fiori al sole, primizia del frutto abbondante che verrà.

Ieri non è più, domani non è ancora. Non abbiamo che il giorno d’oggi. Cominciamo.

Non dobbiamo permettere a nessuno di allontanarsi dalla nostra presenza, senza sentirsi migliore e più felice.

Una delle più grandi malattie del nostro tempo è quello di essere nessuno per nessuno.

Nel mondo le persone possono apparire diverse o avere una religione, un’istruzione o una posizione diversa, ma sono tutte uguali. Sono persone da amare, hanno tutte fame d’amore.

Abbiamo il potere di essere in Paradiso già da adesso e di essere felici insieme al Signore in questo momento. Dobbiamo solo amare come Dio ci ama, aiutare come Dio ci aiuta, donare come Dio dona e servire come Dio serve.

Amare deve essere naturale, come respirare.

Quello che noi facciamo è solo una goccia nell’oceano, ma se non lo facessimo l’oceano avrebbe una goccia in meno.

La fede che passa all’azione diventa amore, e l’amore che si trasforma in azione diventa servizio.

Non preoccuparti di sapere i problemi del mondo, limitati a rispondere alle esigenze della gente.

Non è tanto quello che facciamo, ma quanto amore mettiamo nel farlo. Non è tanto quello che diamo, ma quando amore mettiamo nel dare.

Non abbiate timore di amare sino alla sofferenza, poiché è il modo in cui Gesù ha amato.

Le persone sono affamate d’amore perché sono troppo indaffarate. Aprite i vostri cuori oggi, nel giorno del Signore risorto, e amate come non avete mai fatto.

La felicità è un percorso, non una destinazione.

La gioia è assai contagiosa. Cercate, perciò, di essere sempre traboccanti di gioia dovunque andiate.

Quanto meno abbiamo, più diamo. Sembra assurdo, però questa è la logica dell’amore.

Categorie