Frasissime » Frasi » Morte » Frasi Tristi sulla Morte: i 60 Aforismi più profondi

Frasi Tristi sulla Morte: i 60 Aforismi più profondi

frasi tristi sulla morte

Con questa raccolta di aforismi scopriamo insieme le più belle frasi tristi sulla morte. Frasi profonde, perfette per riflettere su un concetto delicato e complesso come la morte. Frasi che ci invitano a pensare al senso che stiamo dando alla nostra vita, a come stiamo impiegando i nostri anni su questa terra, e a chi non c’è più.

Farsi domande sulla propria esistenza è spontaneo, quanto domandarsi che cosa ci aspetta dall’altra parte. Ognuno di noi cerca di spendere al meglio il tempo che gli resta da vivere, perché la vita è una ed è imprevedibile. Bisogna mettere a frutto le proprie capacità, trascorrere le nostre giornate con le persone che amiamo, in modo da essere certi di aver vissuto senza rimpianti. Ognuno di noi ha un’idea diversa della morte, ma in fondo ne abbiamo tutti un po’ paura. Perché nella vita di chiunque c’è qualcosa di bello. Ecco 60 frasi tristi sulla morte:

Citazioni, Aforismi e Frasi Tristi sulla Morte

La vita dei morti sta nella memoria dei vivi. (Marco Tullio Cicerone)

La prima e l’ultima cosa che devi fare in questo mondo è andare avanti senza che ti schiacci. (Ernest Hemingway)

La paura della morte deriva dalla paura della vita. Un uomo che vive pienamente è pronto a morire in qualsiasi momento. (Mark Twain)

Andarsene è il destino di tutta l’umanità. Il mondo è un teatro di continue assenze e le mani che oggi afferrano il cordiale saluto sono condannate da tanto tempo a unirsi per l’ultima volta, quando le labbra tremanti pronunciano la parola: Addio. (Robert Michael Ballantyne)

Assai più che la vita, è la morte a tenerci sovente con lacci sottili. (Charles Baudelaire)

C’è una cosa altrettanto inevitabile quanto la morte, ed è la vita. (Charlie Chaplin)

Chi può sapere se il vivere non sia morire e se il morire non sia vivere? (Euripide)

Chi può sapere se il vivere non sia morire e se il morire non sia vivere? (Euripide)

Chi sa morire, ha saputo vivere. (Xavier Forneret)

La vita è ciò che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti. (John Lennon)

La morte non è una fine se si può vivere nei figli e nella giovane generazione. Perché essi sono noi: i nostri corpi non sono che le foglie appassite sull’albero della vita. (Albert Einstein)

La morte è la notte fresca; la vita, il giorno tormentoso. (Heinrich Heine)

La morte è dolce a chi la vita è amara. (Tommaso Campanella)

La morte deve essere così bella. Trovarsi nella soffice terra marrone, con le erbe che ondeggiano sopra la testa e ascoltare il silenzio. Non avere ieri, né domani. Per dimenticare il tempo, per dimenticare la vita, per essere in pace. (Oscar Wilde)

La morte ci fa rinunciare a quello che la vita non ci avrebbe mai dato. (Roberto Gervaso)

In questo mondo non vi è nulla di certo, tranne la morte e le tasse. (Benjamin Franklin)

Il silenzio assoluto porta alla tristezza. È l’immagine della morte. (Jean-Jacques Rousseau)

Il grande problema dell’uomo è la vita, il grande problema della vita è la morte. (Joseph Joubert)

Una vita umana è una storia raccontata da Dio. (Hans Christian Andersen)

Vivere è morire, perché non abbiamo un giorno in più nella nostra vita senza avere, al contempo, un giorno in meno. (Fernando Pessoa)

I codardi muoiono molte volte prima della loro morte; i valorosi assaggiano la morte una volta sola. (William Shakespeare)

Ho raggiunto il punto in cui non mi importa più se vivo o muoio. Il mondo continuerà a girare senza di me, non posso far nulla per cambiarne gli eventi. (Anna Frank)

Gli addii sono solo per coloro che amano con i loro occhi. Per chi ama con il cuore e con l’anima non esiste la separazione. (Gialal al-Din Rumi)

Fa più rumore un albero che cade di una foresta che cresce. (Lao Tzu)

Quella che chiamiamo una ragione di vita è allo stesso tempo un’ottima ragione per morire. (Albert Camus)

Quando si muore si ha ben altro da fare che di pensare alla morte. (Italo Svevo)

Quando sarà il momento, vattene con un sorriso. (Anonimo)

Quando hai perso tutto, quando non hai più speranza, la vita è un disagio e la morte è un dovere. (Voltaire)

Essere morti significa svegliarsi dalla parte sbagliata dei propri sogni. (Harry Mülisch)

E se Dio avesse inventato la morte per farsi perdonare la vita? (Gesualdo Bufalino)

E chi di voi, per quanto si affanni, può aggiungere uno spazio di tempo alla sua vita? (Gesù – Vangelo secondo Matteo)

Dopo la morte sarai quello che eri prima della nascita. (Arthur Schopenhauer)

Di fronte a se stesso ognuno è immortale; può sapere che sta per morire, ma non potrà mai sapere che è morto.(Samuel Butler)

Coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano, ma sono ovunque noi siamo. (Agostino d’Ippona)

Ciò che mi fa più paura non è la morte, ma la sensazione di non aver vissuto appieno la vita. (Marilyn Monroe)

Ci roviniamo la vita con pensieri sulla morte e la morte con pensieri sulla vita. (Michel de Montaigne)

Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola.(Giovanni Falcone)

Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola. (Giovanni Falcone)

La vita è l’infanzia della nostra immortalità. (Johann Wolfgang Von Goethe)

La vita è questo, una scheggia di luce che finisce nella notte. (Louis-Ferdinand Céline)

La vita è un attimo preso dall’eternità. (Eliza Cook)

La vita è un pezzettino di tempo per imparare ad amare. (Abbé Pierre)

La vita è un sogno da cui ci sveglia la morte. (Hodjviri)

La vita è un sonno, la morte è il risveglio. (Lev Tolstoj)

La vita è uno strano regalo. All’inizio lo si sopravvaluta, questo regalo: si crede di aver ricevuto la vita eterna. Dopo lo si sottovaluta, lo si trova scadente, troppo corto, si sarebbe quasi pronto a gettarlo. Infine, ci si rende conto che non era un regalo, ma solo un prestito. (Eric-Emmanuel Schmitt)

La vita livella tutti gli uomini. La morte rivela gli eminenti. (George Bernard Shaw)

La vita non è altro che un brutto quarto d’ora, composto da attimi squisiti. (Oscar Wilde)

Le cose migliori e più belle del mondo non possono essere viste e nemmeno toccate. Bisogna sentirle con il cuore. (Helen Keller)

Morire e separarsi è un male minore; ma andarsene e vivere, là, c’è il tormento. (George Lansdowne)

Morire è tremendo, ma l’idea di morire senza aver vissuto è insopportabile. (Erich Fromm)

Morire non è nulla, non vivere è spaventoso. (Victor Hugo)

Nella vita c’è la morte, nella morte c’è la vita. (Edouard Schuré)

Non c’è cura per la nascita e la morte se non godersi l’intervallo. (George Santayana)

Non puoi trovare pace evitando di vivere. (Virginia Woolf)

Non so dove vanno le persone quando scompaiono, ma so dove restano. (Antoine de Saint-Exupéry)

Non voglio e non posso figurarmi un individuo che sopravviva alla sua morte corporale: quante anime deboli, per paura e per egoismo ridicolo, si nutrono di simili idee. (Albert Einstein)

Perdendo l’amore e il rispetto per noi stessi, è così che alla fine moriamo. (Maya Angelou)

Più assurda è la vita, meno sopportabile è la morte. (Jean Paul Sartre)

Un morto non ha età. (Fëdor Dostoevskij)

Solo nell’agonia della separazione guardiamo nelle profondità dell’amore. (George Eliot)

Sappiate intanto che ad ogni vita sta dietro la morte, che ad ogni connubio sta dietro la separazione! Non è senza feccia il liquor della vita, e anche il raso ha le sue strie. (Saˁdi)

Può sembrare strano che la vita sia un puro incidente, ma in un Universo tanto grande è inevitabile che accadano degli incidenti. (Bertrand Russell)

Preferisco morire in piedi piuttosto che vivere in ginocchio. (Ernesto Che Guevara)

Un uomo non muore mai se c’è qualcuno che lo ricorda. (Ugo Foscolo)

Vivono male quelli che pensano di vivere per sempre. (Publilio Siro)

Torna su