Home Parolacce Insulti in Sardo: 100 Parolacce e Offese in dialetto (con significato)

Insulti in Sardo: 100 Parolacce e Offese in dialetto (con significato)

Con questa raccolta scopriamo insieme i più tipici Insulti in sardo (con traduzione in italiano). Offese, insulti ed espressioni colorite tipiche della Sardegna, che in qualche modo fanno parte di questa magica terra. La Sardegna è rinomata in tutto il mondo per la sua bellezza, la sua acqua cristallina, le sue spiagge da sogno e la sua cucina tradizionale. È una terra per certi versi ancora selvaggia, con tanti spazi incontaminati e una lunga storia alle spalle.

La lingua sarda è a dir poco articolata, e per questa raccolta abbiamo selezionato gli insulti più belli e le parolacce più famose in sardo, con traduzione e spiegazione in italiano per le espressioni più peculiari. Ecco 100 insulti in sardo (con significato):

Parolacce, Offese e Insulti in Sardo

Arrozzàu

Limitato mentalmente

Scimpru

Scemo

Affrosciau

Frocio, omosessuale. Usato in maniera dispregiativa

Accattòni

Scroccone, persona che vive degli scarti altrui

Mincimortu

Minchia morta

Su cunnu chi ti ndà cagau/bogau

Letteralmente “la figa che ti ha cagato/espulso”. Maledizione nei confronti della figa che ti ha espulso, che ti ha fatto nascere, ovvero la propria madre

Babbasùccu

Babbeo

Aliertu

Stupido

Ti cagu a facci

Ti cago in faccia

Su cazzu

Il cazzo

Culi vudditta

Culo bollente

T’inci fazzu torrai in su cunnu

Ti faccio tornare nell’apparato riproduttivo di tua madre

Burricu

Asino

Accallonàu

Addormentato, rincoglionito

Accolondrau

Malridotto, persona messa male

Arreddeddu

Cazzo piccolo

Alitudemottu

Alito di morto, forte alitosi

Minc’e cuaddu ti coddidi

Che il pene di equino abbia un rapporto sessuale di natura violenta con te

Codda prangendi

Colui (o colei) che emette suoni simili al pianto mentre ha dei rapporti sessuali

Baccagai

Vai a cagare

Mincrodde

Minchione

Su cunnu/su pillittu

La figa

Madraffa

Scrofa incinta

Affroscillonàu/ allacanau

Appassito, rinsecchito

Accagacciau

Scoglionato, svogliato

Ammalloràu

Pieno di caccole, con significato di “confuso”

Arrò dù cò

Che un accidente lo fotta, che gli capiti qualcosa di spiacevole. Si usa anche in tono scherzoso per manifestare stupore

Affancullu

Vaffanculo

Ti pighiri sa motti pillosa

Ti colpisca la morte pelosa (bestemmia)

Abuddàu

Eccessivamente sbronzo

Sa minca

La minchia

Arrettu che caddu/che canni

Eccitato sessualmente al pari di un cavallo o di un cane

Abububù

Persona grezza convinta, però, di essere alla moda

A balla chi ti occana

Fatti fucilare (espressione di disappunto)

Sa egua

Troia

Accallelàu

Pirla

Ma poitta no ti ndi andasa a cagai/a fanculu?

Ma perché non te ne vai a cagare/a fanculo?

Accavurau

Poco sveglio, poltrone, rincoglionito

Burricu

Asino (stupido)

Sa callona

Cogliona

Accattòni

Scroccone

Abburresciu

Ingordo, che non si sazia mai. Il termine è utilizzato anche per intendere una persona ubriaca fradicia o qualcuno eccitato sessualmente

Azzura/u

Avido, attaccato alle cose materiali

Minc’ e cuaddu ti Currada!

Che il pene di equino ti perseguiti

Taccappiu i spius de concas ai spius de cullu, bruttu calloni ca non ses atru

Ti lego i capelli della testa ai peli del culo, brutto coglione che non sei altro

Coddaproccusu

Colui che ha rapporti sessuali con i suini

Mancai siasta oi sazau e crasi interrau

Che tu possa essere oggi sazio e domani sepolto

Callonèra

Scroto

Su culu/su paneri

Il culo

Caddicare

Scopare

Accaddiccare

Trombare, scopare

Bai e chi ti sianta contaus is passus

Vai e che ti siano i passi contati

Coddaproccusu

Colui che suole avere rapporti sessuali con i suini

Sugunnemamarua bagassa, babbu ruu curruru e caghineri coddau in culu e in paneri de su figllu de su panettieri

La figa di tua mamma bagascia e tuo padre finocchio inculato dal figlio del panettiere

Chi di occiada su sidi conca a s’aqua

Che tu possa morire di sete quando ormai sei giunto alla sorgente d’acqua

Alitudemottu

Alito di morto

Abburradu

Rozzo, sporco, viscido, persona grezza

Malichitiscioppia

Che ti venga un accidenti

Ti si magnani li gani

Ti divorino i cani

Baffarìcoddai

Vai a farti fottere

Su cunnu e mamma rua

La figa di tua madre

Ma poitta no ti ndi andasa a cagai?

Ma perché non te ne vai a cagare?

Arrogh’e merda

Pezzo di merda

Ascameddu

Schifoso

Abbuerau

Impedito, incapace

Mi coddu cussa brutta bagass’e mamma

Mi fotto quella brutta puttana di tua madre

Ti pighidi una guta serena

Ti venga una paresi con la bocca sorridente

Cravadinci in su cunnu!

Inserisciti con forza nell’apparato genitale femminile

Fogu ti pichidi e acqua t’ammachidi

Possa prendere fuoco e mancarti l’acqua

Attu chene cazzu

Gatto senza pene

Su culu/su paneri

Culo

Arrungia

Rogna

Scarrascio

Sputo

Abbettiosu

Testardo, che ha sempre da ridire su tutti e tutto

Abbrabbabau

Tonto, addormentato

Su cunnu chi ta cuddau a sorri tua baggassa impestara luride e’merda

La figa che ti ha partorito a te e a tua sorella impestata lurida di merda

Ancu no ti torrint’a bì mancu pintau

Che non ti possano rivedere neppure dipinto

Codda prangendi

Colui/lei che emette suoni simili al pianto mentre ha dei rapporti sessuali

Azzisolgiu

Maiale in età adolescenziale

Bambazzu

Bambacione

Bà fadì arài

Vai a farti arare

Su calloni

Coglione

Sa bagassa

Puttana

Affrosciau

Omosessuale

Accaghinàu

Effemminato

Affroscillonàu

Appassito

Dolore ‘e matta, ti enzat in die ‘e festa

Mal di pancia ti venga in giorno di festa

Astuccaruggiude

Attaccati al cazzo

Paciociu

Figa

Is corrusu

Le corna [esclamazione]

Abuddàu

Sbronzo

Iffundere su biscotteddu

Bagnare il biscottino

Speigu

Carogna in decomposizione

Accaddiccare

Trombare

T’inci fazzu torrai in su cunnu!

Faccio in modo che tu ritorna nell’apparato riproduttivo di tua madre

Abburradu

Sporco, grezzo

Su cunnu chi ti ndà cagau

La figa che ti ha cagato

Sacch ‘e ladammini

Sacco di letame

Abbuerau

Impedito, incompetente in qualcosa

Abbrabbabau

Rintontito, addormentato, incantato

Fragosu

Puzzolente

Passidi a mei e bengada a tui

Passi a me e venga a te

Cravadinci in su cunnu

Inserisciti con forza nell’apparato genitale femminile

Accallonàu

Addormentato, stupido

Ti auguru de ci campai a 100 annusu: 99 annusu palasa a terra e un annu morendi

Ti auguro di campare cento anni, novantanove schiena a terra e uno morendo

Ancu ti si bengada su bremini

Che ti vengano i vermi

Accaghinàu

Uomo con evidenti tratti effemminati

Mi coddu cussa brutta bagass’e mamma/sorri/zia rua

Mi fotto quella brutta puttana di tua madre/sorella/zia

Ti pighiri sa motti pillosa

Ti colpisca la morte pelosa

Categorie