Home Parolacce Insulti in Calabrese: 70 Parolacce e Offese in dialetto (con significato)

Insulti in Calabrese: 70 Parolacce e Offese in dialetto (con significato)

Con questa raccolta scopriamo insieme i più famosi insulti in calabrese (con traduzione in italiano). Offese e parolacce caratteristiche del dialetto calabrese, per apprezzare ancora di più le peculiarità della Calabria. La cosiddetta “punta dello stivale”.

Ogni regione italiana ha le proprie bellezze e caratteristiche, dal mare alla montagna, fino alle città d’arte. E lo stesso vale per la Calabria, che vanta anche un dialetto ricco di termini un po’ coloriti. Per questa raccolta abbiamo selezionato gli insulti e le parolacce in dialetto calabrese più belle, forti, simpatiche e famose, con traduzione e spiegazione in italiano. Ecco 70 parolacce e insulti in calabrese:

Offese, Insulti e Parolacce in Calabrese

‘Ncul a Marianna!

Accidenti!

‘Ncul a quantu nnai!

Tutti, parenti e non, vadano palesamente a quel paese!

A fissa e sorta

La fessa di tua sorella

Aialafisseria

Perbacco!

Bacara

Pene

Bahfanculu tu e tutta a razza tua

Vaffanculo tu e tutta la tua famiglia

Bastardu

Bastardo

Cazzune

Cazzone, coglione

Chi mmu vai ccusì lunthanu chi i roti do’o trenu diventhanu rundelli!

Possa tu arrivare così lontano che le ruote del treno si riducano a rotelle!

Chi ti vo sucari nu dampu a vijidia e natadi alla vuccuzza e du stomacu mentri ta mangi nu turdillu

Ti possa cogliere un fulmine alla vigilia di Natale alla bocca dello stomaco mentre ti mangi un dolcetto al miele tipico calabrese (u turdillu, una specie di castagnola molto consistente)

Chimma mori

Dovresti morire

Chimmu sbampi

Che tu possa prendere fuoco

Ciolla

Cazzo

Cunno

Scemo, stupido

Fatti li cazzi tua!

Fatti i cazzi/fatti tuoi!

Fhuttutu

Fottuto, stupido

Figghi’e bottan

Figlio di puttana

Fiss’i mammata!

La figa di tua madre!

Fissa

Bella figa

Grubba

Altro modo per dire ‘vagina’

I chimmu cachi luci!

Che tu possa cagare il fuoco

I chimmu ietti u sangu

Che tu possa buttare il sangue

I chimmu ti cantanu a missa

Ti possano cantare la messa di requiem; che tu possa morire subito

In culu a memmata e a tutta a razza da tua

Fanculo a tua mamma e a tutta la razza tua!

Mangiata e pilu!

Amatore di donne

Minchiune

Minchione

Ncul’a cu t’è vivu

Accidenti a te…e a chi ti è ancora vivo e non ti ha bene insegnato a svolgere il compito assegnato

Nculu a tia!

In culo a te!

Oie ti l ennu dittu ca si biaddu? – No – Allora non ti hanno ancora piatu per u culu!

Oggi te lo hanno detto che sei bello? – No – E allora ancora non ti hanno preso per il culo!

Pezz’e merd

Pezzo di merda

Pilusa

Figa, bella ragazza

Si nu cantaru e notta

Non servi a niente

Strunzu

Stronzo

Torna u ciucciu ari vrocculi

Lascia che ti dica che tuo atteggiamento ricorda curiosamente quello degli asini che tornano nei pressi dei broccoli, dato che mi tocca tacere il fatto che sei più imbecille della merda

Cunno

Scemo

Si scatterusu cumu nu pidocchjiu

Sei dispettoso come un pidocchio

Nu palu vestutu

Sgraziato

Si nu cantaru e notta

Sei inutile

Grubba

Vagina

Mi staci ruppendu l’anima

Mi stai rompendo l’anima

Lignu stortu

Incapace di pensare

‘Ncul a quantu nnai

Vaffanculo a te e a tutti i tuoi parenti

Tu fazzu teniri a mente

Te lo faccio ricordare

In culu a memmata e a tutta a razza da tua

Fanculo a tua mamma e a tutta la tua famiglia

Pari a mussa d’agustu

Sei troppo appiccicoso

Petrusinu i ogni minestra

Ficcanaso

Fiss’i mammata

La figa di tua madre

Mi fici a testa cumu nu tommarinu

Mi stai annoiando

Mi faci nu baffu

Non mi fai paura

Fhuttutu

Fottuto

Nculu a tia

In culo a te

Pilusa

Bella ragazza

U cazz’u ti spara

Ti auguro che il cazzo ti fotta quando dici o fai una cazzata

Ti ruppu u culu

Ti rompo il culo

Ti pistu i gargiolari

Ti spacco la faccia

Fissa

Stupido

A fissa e sorta

Quella stupida di tua sorella

M’abbajanu i nervi

Ho i nervi a fior di pelle

Chi mmu vai ccusì lunthanu chi i roti do’o trenu diventhanu rundelli

Vai così lontano che le ruote del treno si riducano a rotelle

Ntrocchia

Stronza

Chimma mori

Devi morire

Ma va curcati

Vai a dormire

I chimmu ti cantanu a missa

Muori (letteralmente: ti possano cantare la messa)

Ma si storta?

Ma sei stupida?

T’allisciu u pilu

Ti sistemo io

Cazzune

Cazzone

Fatti li cazzi tua

Fatti i cazzi tuoi

Rincugghunitu

Rincoglionito

Ti mini a zappa nte pedi to

Ti fai male da solo

Ncul’a cu t’è vivu

Fanculo a te e alla tua famiglia

Categorie