Home Parolacce Insulti in Romano e Romanesco: 80 Parolacce e Offese (con significato)

Insulti in Romano e Romanesco: 80 Parolacce e Offese (con significato)

Con questa raccolta scopriamo insieme le parolacce e gli insulti in romano e romanesco più famosi, uno dei dialetti italiani più coloriti, famosi e sfrontati. Roma è una delle città più belle del mondo, ricca di storia e monumenti, praticamente un immenso museo a cielo aperto. Ovunque ti volti c’è bellezza, ma anche tradizione. La cucina romana ad esempio è famosa in tutto il mondo, così come il dialetto romano. Celebre per la sua varietà di insulti e parolacce.

Per questa raccolta abbiamo selezionato gli insulti e le parolacce in romano più belle e famose, con traduzione e spiegazione in italiano per le espressioni più colorite. Ecco 80 parolacce e insulti in romano e romanesco:

Parolacce, Offese e Insulti in Romano

Ve Famo/V’avemo fatto li bozzi

La nostra superiorita e (stata) notevole

Te strappo le gambe e te ce pijo a carci

Letteralmente: Ti strappo le gambe e ti ci prendo a calci (sto per darti una lezione)

Te strappo le budella e te ce’mpicco

Provo il desiderio di arrecarti del non meglio specificato dolore fisico

A ‘nfame

Senza onore

Va’ mmorì ammazzato

Ammazzati

Burino

Zoticone

Cazzaro

Bugiardo

Te possa pijà ‘n corpo

Che ti venga un colpo

Te strappo ‘n braccio e te lo metto pe’ ccravatta

Se continuerai a non star fermo con le mani le conseguenze saranno terribili

Te sto a m‘bruttì

La tua antipatia mi irrita notevolmente

C’hai più complessi der concerto der Primo Maggio

Si dice di una persona che si fa molti problemi inutili

Se li stronzi volavano tu madre te dava da magnà co’ la mazzafionna

Non sei il massimo della simpatia

è arrivato fra-cacchio/fra-cazzo da velletri

Si dice di una persona sbruffona

Ciocco de legno

Stupido

Sdraiona

Ragazza facile

Nun t’arrapa’

Non esagerare

Te sporvero

Ti picchio

Sto a sbrocca

Sto perdendo la pazienza

A coso

Per chiamare una persona di poco valore

Se nun te sbrighi ann’attene t’accartoccio come ‘n fojo de carta velina

Potrei seriamente ledere la tua integrità fisica senza sforzarmi troppo

Me te metto ‘n tasca e te meno quanno ciò tempo

Indica disprezzo per la consistenza fisica dell’avversario

T’atteggi, t’atteggi ma sur cazzo mio nun ce scurreggi

Non darti troppe arie che con me non attacca

Te manno a quer paese coll’elastico, così quanno aritorni te c’arimanno n’artra vorta

Doppio, simpatico invito a darsi a gambe levate

‘N te sputo, che t’amprofumo

Non ti sputo che ti profumo

Belli capelli

Bei capelli (in senso ironico)

Marimbarza

Non mi sfiora minimamente

Te piscio ‘n culo

Non mi interessa quel che pensi

Te sto a ‘mbrutti

Mi stai irritando

A zorro, ariccojte ‘a sciabbola

Calmati

Stai tranchillo

Calmati

Ciccia ar culo

Obeso

Te sporvero la faccia

Ti prendo a schiaffi sul viso

Te sdrumo

Ti distruggo

Te potessi risveja’ freddo

Muori

Me stai a sgara’ li cojoni

Non ti sopporto più

Buzzicone

Obeso

Si te cojo te sdrajo

Se ti prendo ti uccido

C’hai ascelle commosse

Hai le ascelle sudate

Mortacci tua

I morti tuoi (usato anche come semplice esclamazione)

Che te possino ammazzatte

Mannaggia a te

Bucio de culo

Fortuna

Faggiano

Scemo

Te stacco li diti e ce gioco a shangaye

Mi hai fatto arrabbiare

T’arivorto come ‘m pedalino

Ti rigiro come un calzino

Apparecchia er culo che la ciccia è pronta

Sbrigati a farti del male prima che lo faccia io

A cometechiami

Per chiamare una persona di cui non interessa il nome

Nun me caca’ er bozzo

Non mi infastidire

Stai a di’ ‘na calla

Stai dicendo una fesseria

Te parto de capoccia

Ti do una testata

Se te vede la morte, se gratta

Porti sfortuna

Er duca

Persona con pochi capelli (er du’ capelli)

Stai a fa’ ‘r simpatico

Sei simpatico (in senso ironico)

C’hai er fisico de ‘n lanciatore de coriandoli

Hai un fisico da lanciatore di coriandoli

Te stacco le braccia e te ce meno

Provo un incontenibile desiderio di picchiarti

Me te ‘nculo a passo de cammello/cane

Ti faro davvero del male

Te gonfio e poi te scoppio

Minaccia di violenza fisica addolcita da una deflagrazione simile a quella di un palloncino

Te stacco le recchie e ce faccio le frappe

Ti prendo a ceffoni

Ridi su ‘sta ceppa

Risposta retorica da rivolgersi ad una persona intenta a manifestare gioia per un evento considerato poco piacevole dal diretto interessato

Suina sulla panza de tu’ madre gravida, coll’ossa de li’ mejo mortacci tua

Pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri

Te stacco le gengive a mozzichi

Mi hai fatto innervosire a tal punto che utilizzerò su di te un colpo particolare che non deve essere assolutamente confuso con un bacio appassionato

Te do ‘na pizza che t’arotolo come ‘na girella motta

Sto per darti un ceffone che ti fara girare ripetutamente attorno al tuo asse

Mo te parto de capoccia/de teschio

Mi hai fatto proprio irritare

Te stacco ‘a carotide e ta ‘a metto ‘n mano

Ulteriore forma di incivile minaccia

Cacate ‘n mano e datte ‘no schiaffo

Prima che io ti metta le mani addosso ti esorto a farlo da solo

Stai a pattina’ sur filo der vaffanculo

Ti sto per mandare a fanculo

Èsse stupidi è ‘n diritto, ma tu te n’approfitti

Sei esageratamente stupido

Peccato che cachi, sinnò saresti pòpo ‘n ber soprammobbile

Sei una persona inutile

Te do ‘na pizza che t’arestano pe’ vagabondaggio

Ti do uno schiaffo che ti arrestano per vagabondaggio

Te mischio come un mazzo de carte/te ribarto come ‘na cotoletta

Ti faccio molto male

Te cricco la spina dorsale che pe stà dritto te devi fa ‘n cristere de cemento

Ho intenzione di renderti inoffensivo

Si te pijo t’arovino/ te corco

Se riesco ad acciuffarti sarò costretto ad usare maniere poco gentili

Te sporvero/te sparecchio la faccia

Ti prendo a ceffoni sul viso

Mica t’ho detto cotica

Non mi e parso di averti offeso in modo tale da provocare una simile reazione

Te sfragno er grugno/culo

Ti spacco la faccia/voglio farti male

Te rivorto come ‘n carzino

Ti faccio del male

Te apro come ‘na cozza

Ti faccio male

Devi solo che abbozzà

è impensabile che tu possa reagire ai miei soprusi

‘N te sputo, che t’amprofumo

Della tua opinione mi importa poco

C’hai ‘n dente ogni mezz’ora

Sei sdentato

Te sfragno er grugno

Ti spacco la faccia

Devi solo che abbozzà

Devi solo provarci a reagire

Cacasotto

Pauroso

Sei popo daa Lazio

Sei proprio della lazio (per i tifosi della roma)

E ‘sti cazzi

Chi se ne frega

Te do ‘na pizza che pe staccamme la mano dalla tua faccia dovemo chiamà ‘er falegname

Non costringermi a passare alle vie di fatto

Si te metto le mano addosso, pe’ riconoscete te devono da pijà le impronte digitali

Dopo che ti avrò percosso ripetutamente e pesantemente, i tuoi connotati saranno fortemente confusi

Categorie